Artsmart: Ruth Asawa e le sculture di pasta di sale

Asawa_a_casa_1954

Ruth Asawa  è un’artista americana  di origini giapponesi, nata nel 1926. Nel 1947 Ruth Asawa scoprì l’uncinetto durante un viaggio in Messico, e dall’incontro nacquero le sue sperimentazioni, sculture all’uncinetto realizzate con fili di metallo. L’idea alla base delle opere è l’utilizzo di materiali comuni in modo innovativo. Le sue sculture son fatte di fil di ferro, rame, bronzo e altri metalli.“I was interested in it because of the economy of a line, making something in space, enclosing it without blocking it out. It’s still transparent. I realized that if I was going to make these forms, which interlock and interweave, it can only be done with a line because a line can go anywhere.”

Alla ricerca di nuove tecniche artistiche utilizzando materiali poveri, Ruth cominciò a creare con la pasta i sale meravigliosi pannelli scolpiti.

SI tratta di una ricetta tutta sua che permette di realizzare immagini tridimensionali molto dettagliate.

La pasta di sale è un materiale molto povero e facile da fare. Inoltre essendo composto solo da acqua, farina e sale, può essere utilizzato per dei laboratori con i bambini molto piccoli. I risultati possono essere stupefacenti!

Prendendo spunto dai suoi pannelli di pasta di sale ho voluto raccontare la storia di Ruth ai miei bimbi.

Poi Abbiamo sperimentato la sua tecnica…ecco cosa serve:

Un pezzo di cartone rettangolare

Colla vinilica sciolta in poca acqua con dei pennellini

Attrezzi per modellare

Per la Backer’s Clay:

4 bicchieri di farina+1 bicchiere di sale+1,5 bicchieri di acqua

Per prima cosa costruiamo una cornice attorno al nostro pannello. E’ importante stendere uno strato di vinilica tra il cartone e la pasta di sale.

Immagine 644Poi scateniamo la nostra fantasia. E’ come fare un disegno, solo che è tridimensionale…è una scultura. Ogni volta che attacchiamo dei pezzi ci ricordiamo di stendere uno strato di acqua e vinilica. Se vogliamo fare un viso, scaviamo con la punta delle dita due fossette dove dipingeremo gli occhi.

Immagine 648Immagine 647Importante è che le forme non siano troppo spesse altrimenti non asciugheranno.

Finito il lavoro non resta che infornare a 100° per circa 1 ora e dipingere le opere a piacere. Immagine 655‘Maria con il bambino’ , Memole, 4 anni

Immagine 657‘Il pesce palla’ , Archimede, 6 anni

Per concludere è importante ricoprire le opere con una vernice trasparente protettiva. La pasta di sale assorbe molto l’umidità e rischia altrimenti di decomporsi.

buon divertimento!

 

 

 

One thought on “Artsmart: Ruth Asawa e le sculture di pasta di sale

  1. Bellissimi i quadretti in pasta di sale.
    Mi viene in mente un periodo della mia vita quando, contemporaneamente allo studio all’Università, lavoravo nella ditta di articoli da regalo di mia mamma. Facevamo tutto a mano e anche e soprattutto oggetti meravigliosi in pasta di sale.
    E’ stato un periodo faticoso ma che ricordo con nostalgia.
    Ti abbraccio forte
    Francesca