mamma, da grande voglio assolutamente diventare uno scienziato!

Saranno quegli occhiali rossi, sarà la storia di Bruce, lo scienziato coraggioso che si trasforma in Hulk, e sarà la sua sfrenata passione per la scienza, dalla fisica alla mineralogia, fin da quando ha imparato a sfogliare un libro…

lui vuole diventare uno scienziato.

e come posso non soddisfare la sua sete di sapere? accidenti a me che durante le lezioni di chimica non ascoltavo mai, ora mi tocca studiarmi vecchi libri di scuola per cercare di capirci una qualche cosa,  e non basta, devo poterlo spiegare a un bambino di 4 anni che mi fissa con due occhioni critici.

– perchè mamma-perchè? e cos’è un atomo, e un virus? e il DNA, è cosa significa contaminazione?  – e che cavolo figlio mio…prendi fiato..mamma non sa tutto. ora guardiamo nei libri.

mamma voglio fare gli esperimenti…

Ancora una volta rimango colpita da quello sguardo.

Da bambina desideravo tantissimo avere un microscopio, un telescopio e qualcuno che mi aiutasse a capire e a sperimentare. Purtroppo non ho mai ricevuto regali di questo genere e successivamente il mio entusiasmo si è perso tra le pagine dei libri di scuola. Eppure c’era un laboratorio di scienze. Era in fondo al corridoio con la porta chiusa a chiave.

-Mamma, allora mi aiuti? Facciamo gli esperimenti?

-si amore, fammi pensare che si può fare…

Mi sono rimboccata le maniche e ho fatto una vera e propria ricerca in internet, dove ho trovato molti siti interessanti, con tanti tutorial per fare degli esperimenti divertentissimi…peccato però che l’età consigliata è dai 10 anni. Ho trovato poche cose abbastanza deludenti per bambini delle elementari e basta. Mio figlio ha solo 4 anni.

Quindi mi sono inventata (devo dire con grande entusiasmo) qualcosa io…

Abbiamo costruito il nostro primo laboratorio del piccolo chimico.

Un tavolino, dei vassoi, una  pinzetta, cucchiaini, vaschette riciclate di yogurt , e bottigliette varie ( io ho recuperato i vasetti, tubetti e bottigliette delle mie creme e campioncini vari degli hotel), una siringa senza ago, vasetti vetro con tappo.

occhiali finti e un grembiule ( una mia vecchia camicia bianca si è rilevata ideale)

Ingredienti per gli esperimenti:

aceto rosso,

bicarbonato

sale grosso,

una coca cola,

latte intero fresco,

succo di limone,

olio di semi,

una vaschetta per lavarsi le mani.

E voi magari vi chiedete che si può fare con così poco…

Ebbene sono tre giorni che non facciamo altro. Appena arriva a casa da scuola lui non vuole più dormire perché deve fare i suoi esperimenti.

Parla da solo mentre mischia e mescola e sgocciola e …non so nemmeno io quello che fa. Lui fa e fa e si diverte tantissimo.

La cosa più divertente e aggiungere all’aceto il bicarbonato, conosciuto come effetto vulcano ( vi lascio la sorpesa<). Poi aggiungendo al latte qualche goccia di limone osserva come coagula (voilà ecco il formaggio artigianale) . Ma quello che più ha esaltato il mio piccolo scienziato in erba è stata l’esplosione coca-cola: abbiamo messo la coca cola in un vasetto di vetro con un pò di aceto. poi abbiamo aggiunto il bicarbonato e abbiamo chiuso velocemente il tappo.

Un pò di sbatti-sbatti e …

shhshshshhs

la schiuma comincia a uscire sotto pressione, ma l’eccitazione suprema ‘ha raggiunta quando ho aperto il vasetto sotto pressione, anche se abbiamo dovuto lavarci da testa ai piedi!

One thought on “mamma, da grande voglio assolutamente diventare uno scienziato!

  1. speriamo che mia figlia sia più propensa a materie ….. creative? Con la chimica sarei un vero disastro! notte